Coco Wellington alla Luparense: “Sarà la stagione del riscatto”

0

La Luparense ha trovato l’accordo con il laterale italo-brasiliano Coco Wellington.

In attesa dell’espletamento di ogni procedura burocratica il club rossoblù mette a segno un altro colpo di mercato aggiudicandosi illaterale mancino classe 1988 in arrivo dal Kaos Futsal.

Nato a Foz do Iguaçu (Brasile) il 20 gennaio 1988, Coco (170 centimetri per 65 chilogrammi) all’età di 17 anni è arrivato in Italia alla Thyssenkrupp Terni conquistando in Umbria tre Coppe Italia Under 21 e due campionati Juniores. Tesserato prima dei 18 anni, perciò italiano a tutti gli effetti anche in virtù di un bisnonno di Bassano del Grappa, dal 2008 ha poi giocato alla Marca Futsal (1 Coppa Italia e 1 Scudetto) prima di rientrare in Brasile nel 2011 per una stagione e mezza con il Foz Futsal, la squadra della sua città natale. Dal 2013 ha disputato 3 stagioni con il Kaos Ferrara.

Più volte avversario dei Lupi, ha fatto parte anche della Nazionale italiana, sia a livello giovanile che nella squadra maggiore; Coco è un giocatore duttile, abile nelle due fasi, dalla grande esperienza, in particolare nelle partite che contano: ha disputato parecchie finali vincendo trofei prestigiosi.

Coco Wellington“Le mie aspettative sono di fare bene e tornare a vincere qualche titolo. Ho firmato per i Lupi per il nome che hanno. Sono stati molto chiari con me, a cominciare dal direttore Franceschini, una persona corretta: ci siamo parlati, visto che avevo altre offerte sul piatto, ho capito le ambizioni della società e del presidente Zarattini, e alla fine ho scelto”.

Gli amici. “Conosco quasi tutti i giocatori della squadra. Ho un buon rapporto con tutti. Alcuni sono amici storici. Bertoni è stato mio compagno sia al Kaos che alla Marca. Il mister l’ho sentito, tutti dicono che sia un grande allenatore”. 

Il riscatto. “L’ultima stagione è stata complicata per me. Ho giocato poco per un problema alla caviglia che ormai dovrebbe essere definitivamente risolto. Questa per me dovrà essere l’anno del riscatto. Non vedo l’ora di dimostrare tutto il mio valore”.

La lotta Scudetto. “E’ difficile dare una favorita per il campionato. Tante squadre si sono rinforzate alla grande, ma tutto è relativo. Prendi il Pescara lo scorso anno, a mio avviso era la strafavorita per il titolo ed invece è stata eliminata da una grande Luparense. Non si può mai sapere; prevedo una Serie A emozionante ed equilibrata. Il mio obiettivo? Vincere e far divertire il pubblico di San Martino di Lupari”.

Condividi.