Ferma l’A1, il Fanola non espugna Marghera

0

Ferma l’A1per l’impegno della nazionale, la scena del basket femminile spetta alla seconda formazione di San Martino impegnata sul difficile campo della Rittmeyer Marghera, una delle potenze della A2. Troppo forti le veneziane per il  Fanola San Martino costretti a cedere  69-54

GIANTS MARGHERA: Zavalloni, Iannucci 21, Striulli 16, Toffolo 8, Fabris 10, Castria 2, Salmaso ne, Cecili 9, Biancat ne, Baldi 2, Pastrello 1, Fiorin ne. All. Iurlaro.
LUPE SAN MARTINO: Morpurgo, Beraldo 14, Fietta 13, Busnardo 4, Amabiglia 2, Scappin, Brutto, Crocetta, Profaiser ne, Pettenon 11, Keys 8, Milani 2. All. Tomei.
ARBITRI: Di Marco di San Giovanni Teatino (CH) e Di Luzio di Pescara.
PARZIALI: 10-12, 28-19, 51-45.
NOTE: Nessuna uscita per 5 falli. Tiri liberi: Marghera 11/16, San Martino 2/3.

La cronaca. 
In avvio San Martino prova a tenere la testa avanti (5-9 al 6′). Marghera inizia tirando 1/14, ma poi si sblocca con Iannucci e con la tripla di Toffolo. Dall’altra parte però risponde allo stesso modo Pettenon (già a quota 7 punti al 10′), e alla prima pausa il Fanola conduce sul 10-12.
Nel secondo quarto Iannucci, top scorer dell’intera A2, si mette al lavoro e firmando 8 punti consecutivi porta Marghera al sorpasso (18-16 al 15′). Risponde subito Beraldo con una tripla, ma il finale di frazione è favorevole alle padrone di casa, che con un 10-0 salgono sul 28-19 a metà gara.
Sul 32-19 è ancora Beraldo a sbloccare le ragazze di coach Tomei, capaci di risalire sul -3 (34-31 al 24′) anche grazie al lavoro sotto le plance di Keys, che catturerà ben 16 rimbalzi. Non basta, le Lupe sono ispiratissime e con altri 5 punti in fila della stessa Beraldo ritrovano il vantaggio sul 34-36, chiudendo un incredibile controbreak di 17-2. È una terza frazione ricca di segnature (26 punti a segno per il Fanola dopo i 19 totali del primo tempo), ma in chiusura è di nuovo un mini parziale favorevole a Marghera a fissare il punteggio sul 51-45 al 30′.
Iannucci e Striulli (37 punti in coppia) fanno toccare di nuovo il +10 alla Rittmeyer in apertura di quarta frazione (55-45). San Martino non vuole mollare e risponde con Busnardo e Milani, ma la nuova tripla di Toffolo è una mazzata per il morale. Nel finale Marghera allunga definitivamente chiudendo sul 69-54, anche se il Fanola esce comunque dal campo a testa alta.

Sabato prossimo il ciclo terribile delle giallonere si concluderà con un altro derby veneto, in casa alle 21.00 contro Vicenza.

Condividi.