La Luparense mette in gioco la solidarietà

0

Non solo sport. Ancora una volta la Luparense pensa alla solidarietà.  Nell’intervallo di Luparense-Cioli Cogianco il presidente Stefano Zarattini e il presidente della Fondazione Carobbi-Ceregatti, Davide Ceregatti, hanno consegnato a don Livio della parrocchia di San Martino di Lupari, un assegno di 1000 euro, per la ristrutturazione del campanile del duomo della città.

Ennesima iniziativa di solidarietà delle fondazione in collaborazione con la Luparense grazie anche alle maglie e al materiale tecnico messo all’asta nel web dalla fondazione, che tramite il proprio negozio su eBay, e tramite la propria pagina Facebook, nei prossimi giorni proporrà le scarpe e la maglia utilizzata ieri da capitan Humberto Honorio, e le scarpe originali di Pablo Taborda. Oltre ai materiali della Luparense, la Fondazione Carobbi Ceregatti propone aste con materiali di moltissimi campioni, del futsal, ma soprattutto del mondo del calcio.

Nel corso dell’ultima stagione 2015-2016, la fondazione, sempre in collaborazione con la Luparense, aveva consegnato una somma destinata alle famiglie bisognose di San Martino di Lupari al sindaco della città Gerry Boratto. Mentre prima dell’estate Andrea Franceschini, direttore generale del club rossoblù, nel corso del galà della fondazione ha ricevuto il premio fair play.

Le parole di Davide Ceregatti: “Ci ha fatto un enorme piacere partecipare a questa iniziativa di solidarietà della Luparense. Dopo aver consegnato proprio qualche settimana fa una somma per le popolazioni colpite dal sisma in centro Italia al sindaco di Amatrice, ora ci fa piacere sostenere questa bella iniziativa della parrocchia di San Martino di Lupari.Ringrazio come sempre Stefano Zarattini e Andrea Franceschini, che si dimostrano come sempre presenti e generosi nelle attività della fondazione. Lo sono stati per la raccolta in favore delle popolazioni colpite dalla tromba d’aria nella Riviera del Brenta nel 2015, e lo saranno ancora nel futuro”.

Condividi.