Coppa amara per le Lupe: il pass per la Final Four è di Ragusa

0

Si è ripetuto ancora, per la terza volta in cinque anni: Lupe fuori dalla Coppa Italia per mano di Ragusa che  potrà difendere il titolo alle Final Four del 25 e 26 febbraio. Le Lupe, in vantaggio per tre quarti di gara, cedono in un finale punto a punto e caratterizzato da un nuovo infortunio al ginocchio destro di Mahoney, la cui entità andrà meglio valutata nei prossimi giorni.

Ecco l’analisi della gara effettuata dall’Ufficio Stampa del Lupe Basket:
1° QUARTO. Coach Labruschi getta subito nella mischia Erlana Larkins, arrivata da appena un paio di giorni, mentre dall’altra parte Abignente ritrova Tonello e finalmente dopo più di due mesi può tornare a schierare la squadra al completo. In avvio il Fila prova subito a sfruttare la corsa e lavora bene a rimbalzo offensivo, salendo sul 9-2. Intanto dall’altra parte Ndour commette in attacco il suo terzo fallo (e va a un passo dal tecnico per le prolungate proteste), obbligando Sulciute ad uscire temporaneamente per una dolorosa gomitata al costato. La Passalacqua entra in partita con le triple di Consolini e Gorini, impattando a quota 11 all’8′. Poi il bel canestro in rovesciata di Mahoney scuote il Fila, che con una Keys da 11 di valutazione nel solo primo quarto si presenta avanti 17-15 al 10′.

2° QUARTO. San Martino riparte forte nel secondo periodo con Fassina e Sulciute (21-15), e poi Bailey risponde in contropiede alla tripla di Vanloo, facendo saltare in piedi un palazzetto caldissimo (27-21 al 15′). I rimbalzi di Larkins (12 nel primo tempo, saranno 20 alla fine) permettono tuttavia a Ragusa di rimanere aggrappata al match, nonostante la tripla di Sulciute che chiude la prima metà di gara sul 36-30. Un +6 che forse sta perfino stretto al Fila, che nella valutazione totale comanda 56-20.

3° QUARTO. Al rientro Mahoney risponde per due volte a Gorini, ed è una trama destinata a ripetersi nella terza frazione, con San Martino pronta a ribattere colpo su colpo ai tentativi di riavvicinamento di Ragusa. Quando però al 27′ Formica va a segnare col fallo, le siciliane sono di nuovo a -1 (47-46). Poco dopo è ancora lei (7 punti consecutivi) a realizzare la tripla del pareggio a quota 49, e sempre da tre arriva anche il primo vantaggio dell’incontro per le ospiti, con Spreafico (49-52). La risposta del Fila è firmata da Gianolla e Sulciute, ma la stessa Spreafico ancora da fuori (4/6 da tre nel terzo periodo per Ragusa) fissa il punteggio sul 53-55 all’ultima pausa.

4° QUARTO. Fassina e Mahoney impattano a quota 57, poi però in contropiede la stessa Mahoney subisce fallo da Spreafico e piega male il ginocchio. L’americana è costretta a uscire, ed è una brutta botta anche a livello psicologico per il Fila, che tuttavia con Gianolla rimane aggrappata alle avversarie. A 2′ dalla fine la tripla di Bailey vale il 65-65, ma poco dopo le risponde Ndour. San Martino non gioca bene l’azione d’attacco, e di nuovo la spagnola (12 punti nell’ultimo quarto) sigla un canestro difficile per il 65-69 quando mancano solo 20″. È il punto decisivo, infatti nel finale il fallo sistematico non cambia le sorti del match, anzi per il Fila piove sul bagnato perché Keys si fa male alla caviglia. Finisce 68-73, alle Final Four ci va Ragusa.

Condividi.