Bologna troppo forte. Fanola saluta i playoff

0

Matteiplast Bologna – Fanola San Martino 52-43

BASKET PROGRESSO: D’Alie 8, Cordisco, Occhipinti ne, Tassinari 9, Dall’Aglio 3, Tava 13, Mini 11, Meroni, Cadoni 8, Poletti ne, Nannucci. All. Roveri.
LUPE SAN MARTINO: Morpurgo, Fietta 8, Amabiglia 3, Scappin, Martini, Crocetta 3, Fassina 10, Pettenon 4, Keys 13, Milani 2. All. Tomei.
ARBITRI: Mura di Cagliari e Morassutti di Sassari.
PARZIALI: 14-10, 28-13, 40-27.
NOTE: Nessuna uscita per 5 falli. Tiri da due: Bologna 15/33, San Martino 14/37. Tiri da tre: Bologna 6/21, San Martino 2/20. Tiri liberi: Bologna 4/7, San Martino 9/11.

Il Basket Progresso Bologna si aggiudica una combattuta gara3 e vola in semifinale, mentre il Fanola saluta a testa altissima i playoff. Nessun rimpianto per la squadra di coach Tomei, la cui stagione da matricola in un campionato impegnativo come la A2 ha superato qualsiasi aspettativa: già la qualificazione alla post season era stata un bel premio dopo una salvezza meritata, e l’emozionante vittoria casalinga di giovedì in gara2 ha rappresentato il miglior modo di salutare i tifosi e ringraziarli per il sostegno.

Sin dalla frazione inaugurale le padrone di casa confermano quanto fatto vedere già nelle prime due sfide, cioè la grande pericolosità nel tiro da fuori: arrivano da dietro l’arco 12 dei 14 punti che, al termine di un primo quarto molto equilibrato, valgono alla Matteiplast il vantaggio sul 14-10.
In avvio di secondo periodo le emiliane con Tassinari portano il break fino al 13-0, e salgono sul 24-10 (16′). Dall’altra parte San Martino litiga col canestro (4/29 dal campo nel primo tempo), e nonostante il “gol” da fuori di Crocetta, il gap a metà gara è salito a 15 lunghezze: 28-13.
Le giallonere però non ci stanno, e nel secondo tempo riacquistano un po’ di scioltezza in attacco, riuscendo in particolare con Fassina a rosicchiare qualche punto (37-25 al 28′). Nella quarta frazione le Lupe ci credono, e al 35′ Keys firma addirittura il -6 sul 44-38. Nel finale però le padrone di casa non si fanno sorprendere e rispettano il pronostico, ma Scappin e compagne escono comunque tra i meritatissimi applausi dei loro sostenitori.

Condividi.