L’1-2 della Spal piega un Cittadella degno della capolista

0

SPAL – CITTADELLA 2-1

Marcatori: 4′ st Giani, 22′ st Zigoni, 34′ st Litteri.
SPAL (3-5-2): Meret; Gasparetto, Giani, Cremonesi; Lazzari, Arini, Castagnetti 5 (18’ st Schiavon), Mora, Del Grosso (36’ st Vicari sv); Zigoni (31’ st Finotto), Antenucci. A disposizione: Poluzzi, Strefezza, Ghiglione, Schiattarella, Boccafoglia, Costantini.
All. L. Semplici.
CITTADELLA (4-3-1-2): Alfonso; Salvi, Scaglia, Pascali, Pedrelli; Schenetti, Iori (28’ st Paolucci), Pasa; Chiaretti; Strizzolo (29’ st Kouamé), Vido (17’ st Litteri). A disposizione: Paleari, Valzania, Varnier, Bartolomei, Pelagatti, Martin.
All. R. Venturato.
Arbitro: Pasqua di Tivoli (Caliari-Intagliata).
Note: angoli 7-2 per il Cittadella.
Ammoniti: Pascali, Pasa, Scaglia, Cremonesi e Kouamé per gioco scorretto.
Spettatori 8.786
Recupero: 2’ e 3′

Letale l’uno-due di inizio ripresa per il Cittadella che, in doppio svantaggio, non riesce a recuperare contro la capolista Spal, sempre più vicina alla promozione in serie A. In campo si sono sfidate due formazione alle prese con infortuni e squalifiche ma a riserntirne non è stato certamente il gioco: nel primo tempo, almeno fino alla mezz’ora, è stato il Cittadella, a fare la partita. Solo dopo 35′ si fa vedere per la prima volta la Spal, con Antenucci che chiama in causa Alfonso dal limite. Le cose acambiano radicalmente dopo il riposo: in apertura di ripresa passa la Spal: angolo sul primo palo di Del Grosso, per il colpo di testa di Giani che infila l’estremo granata. Il Cittadella reagisce ma senza fortuna ed è ancora la Spal a trovare il raddoppio: l’ex Schiavon, appena subentrato a Castagnetti serve un assist perfetto per Zigoni che accompagna il pallone alle spalle di Alfonso. Venturato gioca tutte le carte a disposizione: inserisce Kouame e Litteri e proprio una combinazione tra i due porta Litteri a realizzate il gol che potrebbe riaprire la partita. Non accade, ma il Cittadella ha dimostrato di reggere alla grande il confronto con la capolista e di avere tutte le carte in regola per giocarsi il sogno promozione

Condividi.