Mancuso fallisce dal dischetto: il Pescara allunga la serie scudetto

0

Il rigore fallito da Mancuso, dopo due tempi combattutissimi e ricchi di emozioni, consentono al Pescara di rimanere aggrappato alla serie scudetto e  riportare la sfida in casa. Decisivo,il penalty perfetto del giovane Tenderini che regala gara-4 agli abruzzesi.

La partita è molto nervosa all’inizio e sembra di rivivere gara-1: Duarte dà una gomitata a Brandi e viene ammonito. Mancuso impensierisce Capuozzo, che risponde prontamente. Dall’altra parte, Azzoni prova a girare in porta un tiro di Duarte, ma manda fuori. Ramon infiamma il PalaSind con una veronica, ma Capuozzo respinge il suo destro. Ma la partita si accende in un minuto: Colini e Forte inseriscono Chimanguinho come portiere di movimento e proprio il pivot porta in vantaggio gli abruzzesi. Passa meno di un minuto e pareggia Coco Wellington. Lovo chiama il time-out e inserisce Foglia come portiere di movimento, in un match che diventa una partita a scacchi. In chiusura di tempo il match cambia ancora: Ramon sbaglia un tiro libero e Rosa riporta avanti il Pescara approfittando della porta sguarnita.

Il primo tempo finisce 2-1 e all’inizio della ripresa il Pescara ricomincia con il portiere di movimento e il Chimi show continua. Chimanguinho sfrutta l’assist di Salas e sigla il 3-1. La partita diventa stupenda e Brandi gira in porta col tacco una conclusione sporca di Mancuso, per il gol del 3-2. La partita è splendida e Capuozzo fa esattamente ciò che aveva fatto Miarelli in gara-2, segnando dalla sua porta e portando gli abruzzesi sul 4-2. Mancuso prova a rimettere in piedi i Lupi, ma centra il palo. Poco male, perché la Luparense ha 7 vite. Coco (uomo simbolo della finale) accorcia, Mancuso abbatte la porta con un gran destro, per il 4-4. La Luparense preme fino alla fine per cercare il gol scudetto, ma si arriva fino ai rigori. Dopo 6 tiri perfetti, Mancuso calcia altissimo e Tenderini ringrazia, segnando il punto dell’8-7, che rimanda la serie a gara-4.

LUPARENSE-PESCARA 7-8 d.t.r. (4-4 al 40′, 1-2 p.t.)
LUPARENSE: Miarelli, Taborda, Honorio, Mancuso, Brandi, Coco, Lara, Ramon, Foglia, Khouc, Moufaddal, Morassi. All. Marin (squal., in panchina Lovo)

PESCARA: Capuozzo, Duarte, Morgado, Rosa, Azzoni, Cuzzolino, Leggiero, Salas, Chimanguinho, Tenderini, Ghiotti, Pietrangelo. All Colini (squal., in panchina Forte)

MARCATORI: 11’37” p.t. Chimanguinho (P), 12’27” Coco (L), 18’51” Rosa (P), 2’11” s.t. Chimanguinho (P), 3’42” Brandi (L), 6’54” Capuozzo (P), 10’05” Coco (L), 10’57” Mancuso (L)

SEQUENZA RIGORI: Foglia (L) gol, Morgado (P), Coco (L) gol, Salas (P) gol, Ramon (L) gol, Cuzzolino (P) gol, Mancuso (L) alto, Tenderini (P) gol

NOTE: al 18’17” p.t. Ramon (L) si fa parare un tiro libero da Capuozzo (P)

AMMONITI: Duarte (P), Leggiero (P), Mancuso (L), Brandi (L)

ARBITRI: Andrea Sabatini (Bologna), Nicola Maria Manzione (Salerno), Natale Mazzone (Imola) CRONO: Giulio Colombin (Bassano del Grappa)

(Divisione Calcio a 5)

Condividi.