Poker all’esordio per la Luparense a 11

0

Semaforo verde per l’inizio della nuova stagione e la Luparense parte in quarta, come i quattro gol segnati contro la Godigese nel match di apertura del Gruppo 7 del Trofeo Regione Veneto. Nel primo tempo, Nicholas Siega ha sbloccato subito il match, poi raddoppio di Federico Civiero, prima dell’espulsione per doppia ammonizione di Alberto Zurlo per i padroni di casa che ha complicato le cose. Nel secondo tempo, partita gestita con qualche piccola sbavatura in costruzione, ma ci pensa Mattia Mazzon, con una doppietta, a rendere rotondo il punteggio.

Dunque 4-0 a Castello di Godego, per i ragazzi di Massimiliano Parteli che sorride per l’impegno dei giocatori e per il farsi trovare pronti dalla panchina, anche se sa che è solo la prima tappa di una lunga corsa: «La partita è stata interpretata bene, abbiamo trovato subito il gol che ha messo la partita sui binari giusti perché loro dovevano far pressing, ma con il caldo del pomeriggio non era semplice. Il raddoppio e l’espulsione del loro giocatore, di fatto, ha portato il match in discesa anche se nella gestione della palla possiamo migliorare: confesso che nel primo tempo abbiamo dormito su un calcio piazzato e nel secondo tempo abbiamo dato agli avversari una possibile occasione per un pallone perso in uscita. E’ bello cominciare la stagione con un vittoria soprattutto perché ci si prepara per un mese e si è curiosi di sapere a che livello si è Mattia Mazzon è entrato dalla panchina e ha segnato una doppietta».

Il mister ha già sfruttato le cinque sostituzioni, una delle tante novità che alla lunga possono dare vantaggi: «Bene vedere disponibilità e voglia di far bene anche da chi parte dalla panchina: sappiamo che la stagione sarà complessa e ci sarà spazio per tutti anche perché questi ragazzi, ricordiamo, hanno un lavoro e quindi ci sta non essere sempre al 100% o hanno bisogno di rifiatare».

E proprio Mattia Mazzon, alla sua prima partita ufficiale con la maglia delle Luparense, descrive la sua prestazione e commenta i due gol messi a segno: «Sono entrato dopo nemmeno due minuti di riscaldamento perché si è fatto male Cuman, ma dopo un po’ mi sono ambientato e ho trovato il ritmo giusto. Tutti e due i gol sono arrivati con un mio movimento ad attaccare la profondità: sul primo grazia a un’infilata tra il difensore centrale e terzino, mentre sul secondo Baggio ha visto il mio inserimento da calcio di punizione, ho preso tutti alle spalle, ho provato un pallonetto un po’ storto sul portiere e alla fine, in un modo o nell’altro, la palla è entrata».

Tre punti importanti e acciuffati in trasferta in vista dei prossimi impegni del quadrangolare. Gli allenamenti riprenderanno martedì, mentre la seconda partita del Gruppo 7 è in programma domenica 3 settembre, alle 15.30 in casa, contro il Calcio Rosà

(A cura dell’Ufficio Stampa Luparense) 

Condividi.