Testa coda per la Luparense che aspetta il Milano di Sau

0

Di David Marin c’è da fidarsi. Alla vigilia della doppia trasferta, l’allenatore spagnolo della Luparense aveva detto di aver visto una squadra pronta, unita e motiva per portare a casa un cospicuo bottino e per dimenticare le due uscite non proprio esaltanti a Imola e Reggio Emilia. E così è stato: il 7-2 contro Acqua&Sapone, leader in classifica, e il 6-3 contro il Real Rieti hanno mostrato una squadra consapevole della propria forza, in grado di leggere l’andamento del match, capace di soffrire e di sfoggiare cinismo e pragmatismo.

Queste le sensazioni di David Marin:

«Queste due trasferte consecutive potevano essere molto insidiose, giocare fuori di casa alla fine è sempre più impegnativo, ma la squadra ha dimostrato di essere solida e concentrata per poter prendere tutti i punti in palio. Abbiamo dimostrato la nostra identità»
Per l’ottava giornata di Serie A, al palazzetto – finora fortino della Luparense – arriva il Milano di Sau che, dopo il positivo avvio di campionato con la vittoria all’esordio, ha pescato solo un altro punto e annaspa nelle zone basse della classifica. Un match testa-coda di cui Marin non si fida:

«Dobbiamo stare attenti. Il nostro obbligo è non pensare a quello che abbiamo fatto in questa settimana con il turno infrasettimanale. Non possiamo distrarci perché loso sanno come fare la giusta partita per metterci in difficoltà. Per Milano giocare contro di noi può essere uno stimolo per dare il massimo e risalire da qui»
In attesa del transfer per Mello, David Marin ha solo il dubbio Jefferson che verrà regolarmente convocato, ma non è al meglio e forse non verrà rischiato. Il resto della squadra è pienamente a disposizione del tecnico.

Gli arbitri sono Daniele Di Resta (Roma 2) e Vincenzo Sgueglia (Civitavecchia); crono, invece, Stefano De Matteis (Mestre). Fischio di inizio ore 18 e diretta streming sul canale YouTube della Luparense.

(A cura dell’Ufficio stampa della Luparense)

Condividi.