Ciao Kouamè, ciao Vido, ciao Varnier! Pronto l’arrivo di un nuovo bomber?

0

Mentre in casa Juventus si gioisce per il probabile arrivo di Cristiano Ronaldo, in casa Cittadella arriva oggi la notizia dell’addio di Cristian Kouamè, che vola a Genova per sei milioni di euro.

Un addio prevedibile, come quello di Varnier che porterà nelle casse granata altri 4,5 milioni di euro. Cessioni importanti, pesanti, a fronte delle quali il DG Stefano Marchetti ha risposto infoltendo difesa e centrocampo con tre innesti. Come pubblicato sulla pagina FB degli amici di Rigorosamente Cittadella nei giorni scorsi, in maglia granata sono arrivati Simone Branca, centrocampista e vincitore lo scorso anno di quella che è una sorta di serie B danese. Centrocampista è anche Andrea Bussaglia, classe 1997 ed ex Santarcangelo. Difensore classe 1996 è invece Domenico Frare, lo scorso anno al Pontedera che dà sostanza al reparto difensivo come anche Mirko Drudi, classe 1987 ed ex Lecce e Trapani. 

Luca Maniero arriva a sostituire Alfonso, in un ruolo che vedrà comunque Paleari partire titolare. Ma in attesa delle prossime conferme, e di nuovi ed eventuali addii, tutto il pubblico granata auspica che alla corte di Venturato possa arrivare uno, o magari due attaccanti di livello. Necessari visti i numeri delle punte granata dello scorso anno. 

L’affare Vido non si è rivelato poi così un affare, anche se sulla carta le aspettative e le possibilità erano comunque di spessore. Kouamè è partito, Strizzolo non ha sfruttato al meglio l’addio di Litteri, Iunco è rimasto ko e Arrighini non ha trovato la giusta continuità.

Strizzolo ha già rinnovato, aspetto questo che dà ulteriore fiducia al ragazzo ma che lo dovrà “costringere” a dare di più nel campionato che verrà. Ma al suo fianco, detto che anche Vido non sarà granata la prossima stagione, servono qualità, potenza e goal. 

Esperimenti in attacco potrebbero non bastare, e l’impressione è che invece lì davanti, anche mister Venturato voglia solide certezze. Uomini goal, capaci di prendere per mano la squadra. Se l’obiettivo (non dichiarato ma vero) sarà quello di provare ad andare in serie A questa a noi sembra una priorità.

Se invece, l’obiettivo è quello di mantenere la categoria beh…allora il discorso è diverso. Ma speriamo davvero che il Citta possa scendere in campo per continuare a regalare sogni importanti ai propri tifosi.

Tenendo in considerazione poi che il fiuto di Marchetti difficilmente sbaglia. E allora, se dovesse arrivare un attaccante sconosciuto capace di rivelarsi poi bomber di razza in campionato…saremmo i primi ad esserne felici! Forza Citta, e avanti così! 

Condividi.