Calciomercato, per il Citta riflettori accesi in difesa e attacco!

0

Calciomercato, in casa Cittadella ci si prepara al via della sessione di gennaio con il direttore generale Stefano Marchetti che avrà tempo, dal 3 gennaio fino al 31, di operare per rafforzare la formazione granata. 

Ecco, secondo noi, dove eventualmente la squadra di Venturato potrà cambiare:

PORTIERI: Paleari è una sicurezza, Maniero dà solidità in caso di subentro il giovane Rosteghin può fare esperienza. Su questo fronte Venturato può stare tranquillo.

DIFENSORI: Scaglia se ne va, Rizzo è infortunato. E allora in rosa restano Adorni, Camigliano, Frare, Drudi e Dalla Bernardina come difensori centrali; davanti a Paleari insomma l’abbondanza regna sovrana. Dove si latita sono le fasce. A destra Cancellotti e Ghiringhelli sono comunque pochi, ma buoni. L’emergenza è piuttosto a sinistra dove il solo Amedeo Benedetti sta reggendo l’intera zona. Indispensabile un terzino sinistro che possa permettere a Benedetti di rifiatare. 

CENTROCAMPISTI: davanti alla difesa Iori è una certezza ma anche lui, inevitabilmente, ha necessità di rifiatare. Al suo posto Pasa non sta brillando fin qui ma è comunque un giocatore che conosce il modo di intendere il calcio di Venturato e che può farsi trovare pronto all’occorrenza. E’un settore, quello del centrocampo, in cui c’è abbondanza perchè Settembrini e Branca possono essere sostituiti ad esempio da Proia e Bussaglia. Per quanto riguarda il trequartista, anche su questo fronte non siamo messi affatto male. Schenetti brilla, al suo posto anche Siega fa il suo; fino a questo momento ha trovato poco spazio, ma si spera in una crescita collettiva nella seconda parte della stagione.

ATTACCANTI: prima diamo i numeri. 20 goal fatti in 18 partite, l’attacco meno prolifico delle prime nove della classifica. Finotto ha segnato fino ad ora 5 goal, Strizzolo 4, Scappini 1. Ancora a secco Panico e Malcore anche se in questo caso vanno fatti due discorsi diversi: Panico è sembrato provarci, con 500 minuti giocati nelle gambe. Troppo poco tempo in campo invece per Malcore (solo 138 minuti) per entrare nel gioco granata. E allora è inevitabile ammettere che: bisogna segnare di più. Discorso che riguarda tutta la squadra, non solo gli attaccanti. Ma è anche vero che chi è in attacco ha la priorità in questo ruolo. E allora le cose sono due: o gli attaccanti granata ritrovano la via del goal o Marchetti interviene portando a Cittadella un’altra delle sue magie…! Secondo noi, contando anche che Malcore difficilmente rimarrà in granata, un nuovo attaccante serve. Meglio un giovane già affermato, in ascesa e che inevitabilmente costicchi un tantino di più, che uno sconosciuto/scommessa. Un senatore, a nostro parere, difficilmente farebbe le fortune del Cittadella. 

In conclusione, necessari un terzino sinistro e un attaccante, sia che Malcore lasci i granata sia che rimanga alla corte di Venturato. Per il resto, se Marchetti individuerà giovani interessanti, ben vengano. Anche nell’eventualità di qualche altro acciacco per i titolari. 

Condividi.