Lupe tenaci a Schio! La vittoria sfuma negli ultimi minuti!

0

Famila Wuber Schio – Fila San Martino 67-57

PALLACANESTRO SCHIO: Filippi (0/1 da tre), Fassina 4 (2/6), Masciadri 5 (1/1, 1/2), Crippa 11 (4/6, 1/2), Gruda 17 (8/12), Battisodo 8 (1/2, 2/2), Andrè (0/2), F. Dotto 4 (1/3, 0/1), Lavender 10 (4/8), Quigley 8 (4/8, 0/2), Micovic ne. All. Vincent.
BASKET SAN MARTINO: C. Dotto ne, Webb 8 (1/7, 2/4), Fietta 2 (1/2, 0/1), Tonello 1 (0/2), Keys 10 (3/6, 1/2), Melnika 2 (1/3), Milani ne, Marshall 19 (8/14, 0/1), Pastore (0/1, 0/1), Tognalini 6 (2/4, 0/1), Sandri 9 (3/8, 1/5). All. Abignente.
ARBITRI: Dori di Mirano (VE), Padovano di Arcore (MB) e Culmone di Bologna.
PARZIALI: 12-12, 30-24, 45-43.
NOTE: Uscita per 5 falli: F. Dotto (40′). Tiri da due: Schio 25/48, San Martino 19/47. Tiri da tre: Schio 4/10, San Martino 4/15. Tiri liberi: Schio 5/7, San Martino 7/12. Rimbalzi: Schio 40 (Lavender 10), San Martino 30 (Sandri 6). Assist: Schio 22 (Battisodo 6), San Martino 13 (Tonello 5).

Ci si attendeva un derby combattuto, e così è stato. Se lo aggiudicano le campionesse d’Italia del Famila Schio, ma il Fila torna dal PalaRomare con la consapevolezza di aver disputato ancora una volta un’ottima prova su uno dei campi più difficili della A1. Come era accaduto in questa stagione anche a Venezia e a Ragusa, le Lupe sono rimaste infatti pienamente a contatto fino a pochi minuti dalla fine, prima di dover alzare bandiera bianca sugli ultimi possessi.

1° QUARTO. In avvio l’attacco ospite pare subito ispirato, e con le bombe di Keys e Webb le Lupe si portano sul 4-8 in meno di 2′. E quando si mette in moto Marshall, arriva anche il 6-12 per le giallonere, che nel frattempo in difesa e a rimbalzo si battono bene, tenendo il Famila sotto la doppia cifra fino al 9′. Anche dall’altra parte però le segnature si riducono drasticamente rispetto alle fasi iniziali, e così prima della pausa l’ex Fassina trova il pareggio.

2° QUARTO. Gruda firma il primo vantaggio locale in avvio di secondo periodo, poi a interrompere il break aperto di 9-0 del Famila, e a restituire un po’ di ritmo al Fila, è Tognalini. La buona pressione difensiva consente alle giallonere di sporcare tanti palloni, e al 14′ il contropiede di Sandri vale il 17-20. Si procede tra sorpassi e controsorpassi: con un bel canestro in transizione di Dotto le padrone di casa trovano il 23-22 al 17′, all’interno di un altro parziale di 8-0 che obbliga coach Abignente a chiamare due timeout in pochi minuti. A chiudere il primo tempo è poi la tripla di Crippa, che fissa il 30-24 di metà gara.

3° QUARTO. San Martino riparte subito a mille nel terzo periodo: Webb, Melnika e Marshall producono un 6-0 che in 2′ vale il nuovo pareggio. Di nuovo si lotta a ritmi alti su entrambi i lati: Sandri risponde con due piazzati a Gruda e Quigley (38-37 al 26′), anche se poi il sorpasso non arriva e Masciadri riallontana le ospiti. Il quarto si chiude in ogni caso con un bell’arresto e tiro di Keys, che sulla sirena firma il 45-43.

4° QUARTO. Due triple di Battisodo aprono e chiudono un parziale di 10-0, con cui Schio trova il primo vero allungo dell’incontro sul 55-43 (34′). Il Fila prova a crederci ancora, e con una Marshall mai doma ritrova il -4 al 37′ (57-53). In una serata in cui per la prima volta da quando è in Italia è tenuta sotto la doppia cifra, Quigley realizza una magia che restituisce ossigeno a Schio, e poi sono due canestri consecutivi di Crippa a preparare la volata. Dopo una lunga battaglia, al suono della sirena finale le Lupe devono dunque alzare bandiera bianca, seppur tra gli applausi dei loro tifosi accorsi al PalaRomare. E gli altri risultati dicono che comunque, a tre giornate dalla fine, il quinto posto è davvero vicino per le ragazze di Abignente.

GLI ALTRI RISULTATI. Battipaglia-Broni 72-80, Venezia-Lucca 80-74, Vigarano-Ragusa 70-94, Torino-Empoli 88-68. Riposa: Geas.
La classifica: Venezia 30; Schio 28, Ragusa 28*; Broni 24*; San Martino 20; Vigarano 14, Geas 14, Lucca 14*; Battipaglia 6, Torino 6, Empoli 6 (*una partita in più).

Condividi.