Spettacolo a San Martino! In finale volano Geas Sesto S.G. e Ragusa

0

Finale inedita e sorprendente, quella in programma oggi a San Martino di Lupari a partire dalle 18 per scoprire quale sarà la vincitrice della Coppa Italia. Approdano all’atto conclusivo Geas Sesto San Giovanni e Ragusa che in semifinale sono riuscite ad avere la meglio su Schio e Venezia. Formazione lagunare che a sua volta aveva in precedenza eliminato proprio le Lupe, giallonere fermatesi ai quarti di finale ma con onore.

Fila San Martino – Umana Reyer Venezia  49-55

BASKET SAN MARTINO: Dotto ne, Webb (0/1, 0/5), Fietta 5 (2/3), Tonello (0/1 da tre), Keys 8 (4/7, 0/4), Melnika 8 (4/7), Marshall 19 (8/12, 1/4), Milani ne, Pastore 6 (1/1, 1/3), Tognalini (0/3), Sandri 3 (1/2, 0/1). All. Abignente.
REYER VENEZIA: Anderson 8 (3/4, 0/2), Bestagno 2 (1/3), Carangelo 5 (0/1, 1/3), Gorini 6 (1/6, 0/2), Kacerik (0/1, 0/3), Crudo ne, De Pretto 4 (2/4, 0/1), Steinberga 8 (3/11, 0/3), Madera ne, Sanders 20 (8/10), Macchi 2 (1/5, 0/4). All. Liberalotto.
ARBITRI: Pierantozzi di Ascoli Piceno, Caruso di Pavia e Radaelli di Rho (MI).
PARZIALI: 10-10, 22-25, 41-35.
NOTE: Nessuna uscita per 5 falli. Fallo tecnico: Abignente (17′). Fallo antisportivo: Pastore (19′). Tiri da due: San Martino 20/36, Venezia 19/45. Tiri da tre: San Martino 2/18, Venezia 1/18. Tiri liberi: San Martino 3/6, Venezia 14/17. Rimbalzi: San Martino 40 (Melnika 10), Venezia 36 (Sanders 11). Assist: San Martino 8 (Marshall 3), Venezia 13 (Anderson 6).

Il tabellone delle Final Eight di Coppa Italia metteva il Fila subito di fronte all’ostacolo più duro, quell’Umana Reyer Venezia che fin da inizio stagione guida la classifica della A1. A dispetto di ciò, l’ultimo dei quarti di finale della Fila Cup è stato anche uno dei più combattuti ed emozionanti, una partita tiratissima giocata di fronte a un pubblico meraviglioso. Le Lupe ci hanno creduto, hanno sognato il colpaccio fin quasi alla fine, ma gli sforzi non sono stati premiati: in semifinale vanno le veneziane, che sabato sera al PalaLupe affronteranno il Geas, subito dopo l’altra sfida tra Ragusa e Schio.

1° QUARTO. Il PalaLupe è subito una bolgia, e al primo canestro di Marshall il boato è già impressionante. Al 4-0 iniziale delle giallonere rispondono Steinberga e Sanders, e poi con De Pretto arriva anche il primo vantaggio ospite, complice qualche palla persa di troppo delle padrone di casa. È di 10-0 il break ospite che testa subito la tenuta delle Lupe, ma la reazione è di quelle giuste: Marshall, Sandri e Pastore producono il 6-0 che vale il pareggio poco prima della pausa, alla quale si arriva sul 10-10.

2° QUARTO. Si riparte con la bomba proprio di Pastore, con cui il Fila torna avanti. Ma anche nel secondo periodo il match rimane combattuto, equilibrato e in generale a basso punteggio. La Reyer riguadagna la testa con un’ottima Sanders (chiuderà in doppia doppia da 20 punti e 11 rimbalzi), ma San Martino risponde con due punti di puro talento firmati Marshall allo scadere dei 24″, e poi il canestro con fallo di Keys vale il 20-19 (19′). La tripla di Carangelo consente lo scatto alla Reyer nel finale, anche se ancora Marshall realizza sulla sirena il 22-25 dell’intervallo.

3° QUARTO. Al rientro dagli spogliatoi un paio di occasioni sprecate sotto canestro favoriscono il 22-29 per la Reyer, ma poi Melnika si riscatta con un 4-0 che restituisce fiducia. Il pareggio arriva sul 31-31, grazie a uno spettacolare 2+1 di Fietta, e poi sono tre canestri consecutivi allo scadere dei 24″ (a firma Marshall, Keys e ancora Marshall) a dare il 37-33 alle padrone di casa. In difesa le Lupe mordono, da citare in particolare il lavoro di Sandri e compagne su una Steinberga tenuta ad appena 8 punti con 3/14 dal campo. E intanto Marshall è una donna in missione: lo dimostra l’ennesimo canestro al suono della sirena, che dà il +6 alle Lupe al 30′: 41-35.

4° QUARTO. Il pubblico ci crede, ma è ancora lunghissima. Gorini ritrova il -2 ospite, e poi un nuovo rimbalzo offensivo concesso (12 in totale) permette a Sanders di pareggiare nuovamente a quota 41. Qui Marshall segna da tre, ma la sfida ormai è prima di tutto una guerra di nervi. Sanders fa rimettere il naso avanti alla Reyer a 4′ dalla fine (46-47), e poi Steinberga e Anderson regalano il +4 a Venezia quando mancano poco più di 2′ (47-51). Macchi fa anche +6, ma San Martino ci crede ancora e ritrova il -4. Nell’ultimo minuto, però, sono ancora i rimbalzi di Sanders a far scorrere il tempo, e a condannare le Lupe a uno stop che lascia l’amaro in bocca.

Condividi.