Il taccuino di mister Venturato. Ecco, oggi, come giocherebbe il Cittadella!

0

Mora, Vita, De Marchi e Gargiulo. E’questo il quartetto di giocatori che in meno di una settimana il dg Stefano Marchetti è riuscito a portare in maglia granata. A loro va aggiunto Rosafio (oltre a Celar per il quale al momento però la società non ha ancora pubblicato la conferma sul proprio portale web) per un pokerissimo che compensa gli addii di Finotto e Moncini, e le probabili cessioni future di Schenetti, Cancellotti e Parodi. 

Sul fronte uscite, a parte Finotto e Moncini, il resto sono soltanto voci e bisognerà attendere. Andiamo nel frattempo a vedere meglio dove potranno inserirsi i neoarrivati.

I NEO ARRIVATI, ECCO CHI SONO!

Marco Rosafio, 25 anni, è un attaccante che può essere impiegato sia a destra che a sinistra. Duttile, e di qualità anche come trequartista, sui portali specializzati viene identificato come un’ala destra offensiva. Vedremo; può essere un’ottima alternativa davanti. Il suo valore negli ultimi due anni giocati è triplicato e l’auspicio è che la sua crescita continui anche in granata. 

Mario Gargiulo, 23 anni e 187 centimetri di altezza, ha trovato all’Imolese una realtà capace di farlo crescere. Ora il Cittadella; centrocampista centrale di piede sinistro, è impiegabile anche nel cuore del reparto di mezzo. Napoletano verace, potenza pura nel cuore del centrocampo granata. 

Alessio Vita, 26 anni, arriva dalla Feralpisalò ed è un centrocampista con spiccate doti offensive. 176 centimetri, piede destro abile, cerca il riscatto dopo aver toccato il suo apice nel 2016 al Vicenza per poi vivere momenti meno esaltanti a Cesena. Con la Feralpisalò si è assestato, ora cerca spazio e prime pagine. Nel quartetto di centrocampo può dire la sua, alternandosi a Branca o contendendo comunque una maglia da titolare nel cuore della formazione granata. 

Michael De Marchi, 24 anni arrivato dall’Imolese, è un attaccante di 190 centimetri originario di Verona. L’anno scorso all’Imolese ha segnato 12 goal in 45 partite mettendo anche 5 assist decisivi. Fondamentale il suo goal al Monza, nel terzo turno d’andata dei playoff, per eliminare i brianzoli. Ora i goal decisivi punta a farli in serie B. 

Christian Mora, 21 anni e 184 centimetri, è un terzino destro impiegato a volte, nell’ultima stagione, anche come laterale di centrocampo. Contenderà molto probabilmente la maglia in difesa a Ghiringhelli, per un ruolo comunque che ha bisogno di più di un giocatore di qualità. 

In arrivo…e ad un passo dal Citta che non ha ancora confermato ufficialmente l’affare:

Zan Celar, 20 anni, è una punta centrale con tanta voglia di crescere. In 51 partite nel campionato primavera ha segnato 39 goal e 7 assist, mettendo a segno una rete ogni 111 minuti. Arrivasse, lì davanti formerebbe una coppia temibilissima con i vari De Marchi, Diaw, Scappini (se rimarrà) ed eventualmente qualche altro innesto. 

LA SITUAZIONE ATTUALE…!

I tanti acquisti davanti fanno pensare ad un prossimo addio di Schenetti innanzitutto, e probabilmente anche di Scappini. Tanti centrocampisti, e allora occhio perchè potrebbe salutare anche Proia. Dietro, con Mora, si libera la pista per l’addio di Cancellotti a destra e di Parodi a sinistra. 

In porta, auspicando nella riconferma di Paleari, il Citta sta bene. A sinistra Benedetti e Rizzo danno garanzie, così come sulla destra Ghiringhelli e il neoacquisto Mora. Centralmente Adorni e Drudi non sembrano avere intenzione di lasciare; qualche dubbio in più su Frare che potrebbe andar via da Cittadella. Se rimanesse (come speriamo) sarebbe  una garanzia. E al centro anche Camigliano e Dalla Bernardina (rientrato dall’Olbia e al momento in granata) possono far bene. 

A centrocampo riconfermato Iori, Branca dovrebbe rimanere così come Settembrini, infortunato però fino a novembre. Dando per scontato l’addio di Schenetti, le alternative non mancano con Pasa più maturo, Bussaglia, Siega e Maniero comunque presenti. E i neoarrivati Gargiulo e Vita, oltre a Rosafio.

Davanti al momento De Marchi, Diaw, Panico, Scappini. Rientrano dal prestito anche Fasolo, Malcore e Bizzotto. Dovesse arrivare Celar, bisognerà comunque sfoltire. 

COSA MANCA?

Probabilmente un’altra punta pura, considerando che Scappini partirà e che il rientrante Malcore difficilmente troverà spazio. Forse un difensore centrale qualora Frare dovesse andar via. Per il resto, ovviamente senza ulteriori cessioni, la squadra ha qualità. 

Condividi.