Tre minuti di buio. E lo Spezia ne approfitta espugnando il Tombolato.

0

Un ottimo primo tempo per il Citta con uno Spezia praticamente inesistente. Il tutto però è vanificato da tre minuti di buio, dal terzo al sesto del secondo tempo, durante i quali gli ospiti segnando due volte aiutati dalla buona sorte ed espugnano il Tombolato. Dopo il raddoppio ligure, la formazione di Venturato vive momenti difficili subendo anche il terzo goal per un passivo troppo pesante e un debutto poco felice per la nuova stagione granata.

Venturato si affida a Paleari tra i pali, alle sicurezze Benedetti e Ghiringhelli ai lati e alla rodata coppia di centrali composta da Adorni e Drudi. Iori subito davanti, con Branca, Vita e Gargiulo davanti agli attaccanti che dall’inizio sono Diaw e Panico. 

Primo tempo con il Cittadella padrone del campo e protagonista di un avvio a velocità pazzesca. Il gioco e l’intensità granata non si traducono però nel vantaggio che la formazione di Venturato cerca soprattutto con Diaw, fisicamente sontuoso e molto mobile, e con qualche buon inserimento anche da parte di Panico e Branca. La corsia sinistra, dove è tornato Benedetti, è la preferita per il Cittadella che tuttavia non riesce a sfondare. 

Dopo sei minuti è appunto Diaw ad andare vicino al goal con un rasoterra velenoso sul quale Krapikas si salva come può. Lo Spezia risponde timidamente con la conclusione di Federico Ricci che esce abbondantemente lontano dalla porta di Paleari. Al minuto 23, su spunto del solito numero 9 granata, tocca invece a Branca mandare il pallone fuori bersaglio mentre lo Spezia si affida a qualche accenno di azione offensiva orchestrato principalmente da Gyasi, ma senza particolare fortuna. Primi 45 minuti positivi per Vita, uno dei nuovi, mentre Gargiulo dimostra di avere bisogno ancora di qualche periodo in più per interpretare al meglio il gioco chiestogli da Venturato. 

Due minuti dall’inizio della ripresa e lo Spezia, al primo affondo passa. Ricci sfrutta al meglio l’ottimo assist di Galabinov e manda alle spalle di Paleari il pallone dello 0-1. Tre minuti più tardi contropiede dello Spezia che con un po’di fortuna regala il pallone a Galabinov che da dentro l’area batte per la seconda volta Paleari. Venturato allora cambia e decide di spedire nella mischia Celar al posto di un poco incisivo Gargiulo. È però ancora lo Spezia protagonista; dal limite ci prova Bartolomei ma il suo tiro è intercettato da Iori. La reazione granata è affidata a Diaw che dalla sinistra sfiora il goal sul primo palo. Il tentativo però non cambia la situazione perché Iori, nel tentativo di rilanciare in area, si trova addosso Mora con il pallone che carambola in porta per il troppo pesante 3-0 in favore dello Spezia. Al minuto 66 la botta la prova Celar ma la parata è dietro l’angolo; sul contropiede ancora ingenua la difesa del Citta che si fa infilare stavolta senza subire goal, ma rischiando non poco. Il finale propone un Citta alla faticosa ricerca del goal e uno Spezia che invece amministra bene godendosi i tre goal di vantaggio. Ma il risultato non cambia più nonostante l’ulteriore inserimento di Vrioni al posto di uno spento Panico. Proprio Vrioni propizia Diaw in pieno recupero ma il numero 9, peraltro in fuorigioco secondo l’arbitro, manca il bersaglio. Galabinov sul finale colpisce la traversa di testa e al Tombolato la festa è rimandata.

Sabato il Cittadella torna a Benevento dove lo scorso anno realizzò la grande impresa ai playoff. Per riscattare il 3-0 il campo delle “Streghe” può essere un buon palcoscenico anche se da quelle parti, il dente nei confronti dei granata è ancora avvelenato.

IN FORMA: Diaw nel primo tempo è inarrestabile. Si spegne però alla distanza, come il resto della squadra. Bene anche Benedetti nel primo tempo; la sua presenza si sente e il suo apporto, unito all’intesa con Branca, sono essenziali per questo Citta.

DA RIVEDERE: Gargiulo non è ancora entrato negli schemi di gioco di mister Venturato. Panico concretizza poco e Drudi, in difesa, non è impeccabile in occasione dei primi due goal dello Spezia.

Il tabellino del match:

CITTADELLA – SPEZIA 0 – 3

Marcatori: 2’ st F. Ricci, 6’ st Galabinov, 18’ st Mora

CITTADELLA: Paleari; Ghiringhelli, Drudi, Adorni, Benedetti; Vita, Iori (C) (35’ st Pavan), Branca; Gargiulo (10’ st Celar); Diaw, Panico (35’ st Vrioni).

A DISPOSIZIONE: Maniero, Mora, Camigliano, Bussaglia, Rosario, De Marchi.

ALLENATORE: Roberto Venturato.

SPEZIA: Krapikas, Vignali, Ramos, Mora (32’ st Maggiore), Ricci M., Galabinov, Ricci F., Gyasi (26’ st Buffonge), Capradossi (36’ st Marchizza), Bartolomei, Terzi (C).

A DISPOSIZIONE: Scuffet, Barone, Burgzorg, Awua, Gudjohnsen, Bastoni, Ferrer, Benedetti, Erlic.

ALLENATORE: Vincenzo Italiano.

ARBITRO: Juan Luca Sacchi (Macerata).

ASSISTENTI: Affatato (Vco) e Saccenti (Modena).

IV UOMO: Maggio (Lodi).

NOTE:

Ammoniti: Adorni, Gyasi, Vita

Espulsi:

Angoli: 4 – 3

Recupero: 0’ – 5’

Abbonati: 2.800

Spettatori totali: 3.708

Condividi.