Bomber Diaw: “Vogliamo tornare a vincere davanti al nostro pubblico”

0

Bomber Davide Diaw è il faro offensivo del Cittadella. Dopo la vittoria contro il Pescara il pensiero è andato subito alla prossima sfida, al Tombolato, contro la Juve Stabia:

“Vincere contro il Pescara era fondamentale perchè arrivavamo da una brutta sconfitta e ci serviva ripartire. Non abbiamo fatto certo la nostra miglior partita, però questo vuole dire che forse siamo maturati – ha affermato l’attaccante granata ai microfoni di Dazn – Siamo riusciti con il Pescara a vincere una partita fuori casa, nonostante secondo me non sia stata una prestazione eccellente. Ma siamo stati cattivi, concreti, abbiamo lottato, siamo stati grandi”.

Atteggiamento diverso tra primo e secondo tempo. Merito di Venturato e delle sue parole nello spogliatoio?

“Anche. Il mister ha messo a posto due cose tattiche; ci ha detto di non mollare mai, che potevamo vincerla e che dovevamo trovarci. Siamo ripartiti pensando che la partita iniziava da zero nel secondo tempo e siamo stati bravi a trovare il goal su rigore e a combattere fino alla fine”. 

Tre punti che spingono il Citta a credere alla promozione diretta?

“Piano, questo campionato secondo me, lo dimostra la classifica, non permettere di parlare di secondo posto, di playoff o di playout perchè è talmente corta che basta davvero poco per cambiare una stagione. Dobbiamo continuare a lavorare, pensare alla prossima difficilissima partita e andare avanti con questa mentalità e questa strada”.

Come mai il Cittadella è squadra da trasferta, faticando invece in casa?

“Non so, non saprei. So che dobbiamo fare di più in casa perchè abbiamo perso punti importanti davanti al nostro pubblico. Il Tombolato lo scorso anno era il nostro fortino ed è importante, in questa ultima parte di campionato, riuscire ad invertire il trend in casa. Dobbiamo fare più punti in casa, continuare così in trasferta e toglierci importanti soddisfazioni”. 

Un altro goal, questo, per te l’undicesimo, e senza rigori. 

“Il mio obiettivo è quello di fare più goal possibili. Entro in campo pensando a vincere e a fare goal. Spero di riuscirci più volte possibile e poi a fine anno tiriamo le somme. Alla classifica marcatori ci penso fino ad un certo punto. Il rigorista è Manuel e li tira lui. Poi magari vedremo più avanti nell’eventualità che manchi qualche goal per raggiungere la cifra tonda però a parte gli scherzi, l’importante è vincere, non mi interessa calciare i rigori”. 

E adesso con la Juve Stabia?

“Dobbiamo e vogliamo vincere, per i punti e per la classifica, e per vincere davanti ai nostri tifosi che è un po’che non ci riusciamo e non è bello, tutte le volte in casa, fare la partitina e andare via scontenti. Non è bello, dobbiamo invertire questo trend e solo con il lavoro lo possiamo fare. Credendoci e lavorando come abbiamo fatto nella sfida contro il Pescara”. 

Condividi.