Cittadella…che succede?

0

Dimenticare tutto, ripartire con fiducia, considerare che comunque si tratta di un altro campionato di successo. Dopo il quarto ko consecutivo, il Cittadella attende ora le ultime tre partite della regular season contro Chievo Verona, Venezia e Virtus Entella.

L’impressione è quella di essere di fronte ad una squadra che dopo aver dato tanto, tantissimo, ora è in debito d’ossigeno. Un po’come un pugile alle corde con l’avversario che insiste nel colpire a ripetizione. Le opzioni sono due: la prima è quella di continuare a subire i colpi, parando il possibile, e arrivando alla fine dell’incontro. In questo caso le conseguenze potrebbero essere quelle di fallire eventualmente l’accesso ai playoff o più semplicemente di rimanere con tranquillità in serie B (la salvezza ora è matematica, mancano tre partite e il Pescara 16esimo è a dieci punti).

Basterebbe invece uno scatto per uscire dalla selva di colpi avversari per rialzare la testa e magari, con tre buone prestazioni e nove punti in tre match (ma anche 7 o 6 punti potrebbero essere importanti) riaccelerare puntando al terzo o quarto posto (il secondo è irraggiungibile) per avere un vantaggio non da poco, quello cioè di saltare il primo turno dei playoff.

Analizzando gli ultimi campionati, il Citta si è mostrata squadra di grande tenacia ai playoff dove però è sempre arrivata tirata, stanca e provata dalla cavalcata infinita proprio della post season. Dettagli e concause di quello che è accaduto in questi ultimi anni. Con un po’di minuti in meno nelle gambe, magari, le cose sarebbero andate diversamente. Con i se e con i ma non si va da nessuna parte ma, e lo ribadiamo, al momento nulla è compromesso.

Chiaro, in una stagione strana come questa ogni equilibrio è stato stravolto. Ma anche alla luce dei risultati degli altri, i quattro ko consecutivi del Citta hanno avuto effetti negativi ridotti. Bisogna prenderne atto, ritrovare la giusta serenità, recuperare le energie e provare a puntare al terzo o quarto posto (distanti ora tre e quattro punti). Non facile, ma vista la pazzia di questa serie B tutto si può fare.

Oh, poi andrebbe anche bene un ingresso per il rotto della cuffia ai playoff e una cavalcata migliore di quella dello scorso anno 🙂 ma anche la permanenza, costante, in serie B.

Chiaro, i granata ci hanno abituati bene. E l’appetito vien mangiando. Ma ora più che mai bisogna stare vicini alla squadra, gioire per quanto fatto fin qui e prepararsi alle ultime tre sfide della regular season con ottimismo, concentrazione e voglia di dare il massimo! Forza Citta!

Condividi.