Venturato verso la Spal: “Occhio ai nostri avversari, Vita torna tra i convocati”

0

Il Cittadella si prepara alla sfida di domani contro la Spal, ultima sfida prima dello stop di una decina di giorni che permetterà di recuperare un po’di energie e di far tornare in gruppo i giocatori attualmente infortunati. 

Il tecnico del Cittadella Roberto Venturato ha parlato così, poco fa, rispondendo alle domande dei giornalisti nella consueta conferenza stampa prepartita. In primis, una riflessione sui punti persi contro squadre di media/bassa classifica: “La mancanza di continuità in questo girone di ritorno è un difetto nostro, un aspetto che ci ha impedito di fare punti in modo importante. L’atteggiamento che cerchiamo di avere è quello di provare a vincere con tutti, purtroppo non ci siamo riusciti e questo è una responsabilità nostra, mia in primis. Contro la Salernitana su questo fronte ho visto buoni segnali creando 6-7 occasioni da goal nonostante la loro fosse una squadra molto chiusa; purtroppo non siamo riusciti a segnare, ma sono indicazioni che mi fa pensare che siamo sulla strada giusta. Ora la Spal, squadra difficile da affrontare e di grandi valori con un allenatore appena arrivato in panchina che darà a loro ulteriori motivazioni. E noi dovremo, anche per questo, essere ancora più attenti”.

Una Spal che, con il nuovo allenatore, risulterà in parte incognita anche dal punto di vista tecnico e tattico: “Non credo però ci saranno grandi differenze rispetto a come la Spal giocava con Marino; comunque non possiamo sapere i dettagli e il nostro compito sarà quella di interpretare la partita al meglio indipendentemente da come la Spal si presenterà in campo. Hanno una rosa importante e sono una squadra di livello assoluto, dovremo fare attenzione”.

Mister Venturato analizza poi il secondo tempo giocato contro la Salernitana: “Nella prima frazione abbiamo faticato ad uscire da dietro, nel secondo tempo invece siamo stati molto bravi a reagire. Nella ripresa siamo riusciti ad interpretare bene il gioco, creando tanto e anche per questo il rammarico di non aver vinto è grande. Però la prestazione è molto positiva e l’obiettivo è quello di dare continuità alla prestazione e di fare qualcosa in più anche dal punto di vista del risultato. Ogni partita a questo punto è un bivio: se vinci fai un salto importante e acquisisci conferme, in caso contrario cambia molto”.

4-3-2-1 e 4-3-1-2. Mister Venturato si sofferma anche sul cambio di modulo. I giornalisti sostengono che forse, con centrocampisti molto abili a segnare, il tecnico abbia scelto di dare più forza al centrocampo anche per questo, rispetto all’attacco: “La riflessione che ho fatto è legata anche a questo, alla capacità di inserimento e di realizzazione dei centrocampisti così da dare alternativa e zero riferimenti agli avversari, sfruttando le caratteristiche di chi parte da dietro. Il centrocampo ha dato grande concretezza; dall’altra parte c’è un campionato intenso e questo impedisce di lavorare come vorrei dal punto di vista dei movimenti in attacco; della sintonia. Queste due cose messe assieme mi hanno portato a provare l’alternativa che ci dà indubbiamente qualcosa di importante dal punto di vista offensivo. I due attaccanti mi intrigano comunque sempre molto; non l’ho abbandonata e voglio portarla avanti e in qualche situazione o partita la porteremo avanti ancora”.

Tutti gli attaccanti a disposizione (Tavernelli, Tsadjout, Ogunseye o Beretta) possono fare il ruolo di unica punta? “Si, assolutamente. Anche per non dare appunto punti di riferimento lì davanti; possono giocare in quel ruolo tutti e quattro. Beretta, Tsadjout e Tavernelli inoltre possono partire anche da più dietro”.

“Per quanto riguarda i convocati recuperiamo Vita, prezioso a centrocampo. Si fermano invece Frare per una piccola lesione all’adduttore destro e Ghiringhelli per un affaticamento ai flessori della coscia destra. Tra i convocati tornano anche Branca e Tsadjout”.

Condividi.